Svalutation

In Italia, l’inglesismo “svalutation” divenne famoso grazie ad una bella canzone di Adriano Celentano, uscita a metà degli anni 70. Naturalmente il tema era la crisi economica che attanagliava il Paese in quegli anni. Ahimè, andrebbe più che bene anche oggi! Ma questo mio “svalutation” è tutto dedicato a FIFA!

svalutation

Alla fine, come largamente prevedibile, non ho resistito e ho deciso di comprare il gioco! Da dieci giorni, sto provando e riprovando le varie modalità, ma non c’è nulla da fare: senza l’editing Fifa è un gioco monco, svalutato nel realismo, ma soprattutto ridemensionato nella possibilità di offrire divertimento.

La modalità carriera

Da sempre è la mia modalità preferita. Per i miei gusti, quest’anno è un po’ troppo laboriosa, ma nel complesso non è male. Senza editing, come sempre, i tempi necessari a costruire una bella squadra sono più biblici del Vangelo. Servono una decina di stagioni per poter pensare di vedere uno come Messi nel Toro, sempre che non si ritiri prima! E’ evidente che, per chi ha il tempo di giocare massimo un paio di partite al giorno, è impossibile. E comunque, ci si annoia prima! Per noi italiani la serie B è inguardabile: quasi tutte le squadre non sono licenziate e così anche l’idea di riportare la Pro Vercelli agli antichi splendori perde tutto il suo fascino.

FUT

Leggo di tantissimi appassionati della modalità Ultimate Team. Mi chiedo come sia possibile! Premesso che le partite contro la cpu, ai livelli campione e leggenda, sono praticamente ingiocabili, facciamo due calcoli. Ci vuole un quarto d’ora per giocare una partita e guadagnare 600 crediti. Qualsiasi argento decente ne costa più di tremila… Dunque per costruire una rosa di 16 titolari occorrono in media 80 partite, pari a più di 20 ore di gioco. A cui bisogna aggiungere il tempo necessario per schierare le formazioni, trovare i giocatori sul mercato, aggiudicarsi le aste… 50 ore non bastano! Supponendo di riuscire a dedicare a Fifa 17 un’ora al giorno, impiegheremo due mesi di “lavoro” per costruire una bella squadra d’argento! Naturalmente, se scegli di giocare con gli italiani, non potrai disputare nessuno dei tornei che prevedono come requisito, una rosa di qualsaisi altra nazionalità… Alternative? Beh, è chiaro. Devi avere dei soldi veri, da buttare, per comprare pacchetti! Se potete e vi divertite così, allora, buon divertimento!

Il viaggio

Rimane da tentare l’avventura di Alex Hunter! L’idea non mi dispiace affatto, l’ambientazione grafica e la storia sono realizzate con cura. Purtroppo, a metà stagione, mi sono già stancato di rispondere alle domandine e scegliere ogni volta se essere impulsivo o pacato… Il peggio è l’andamento tragicomico delle partite. Non si può nemmeno parlare di “momentum”, questione dibattuta e quanto mai odiosa. journeyglitchQui le partite sono completamente predeterminate. Qualche volta è scritto che Hunter debba segnare una tripletta e le occasioni fioccano finché non ci riesce. Altre volte non c’è verso di farlo tirare in porta, perché la squadra non ne imbrocca una e gli avversari sembrano marziani. E non importa che tu stia “pilotando” l’intera squadra o solo il “cacciatore”! Infine, provate a segnare un gol con un attaccante che non sia Hunter, quando l’assist non sia di Hunter…

Grafica e gameplay

Secondo il mio parere, FIFA 17 è molto simile ai suoi predecessori. Ad uno sguardo distratto non si notano differenze eclatanti. Partita dopo partita emergono le peculiarità del nuovo engine, sia dal punto di vista grafico, che dal punto di vista tecnico. Si nota una maggiore definizione dei modelli dei giocatori e si possono apprezzare animazioni più fluide nelle diverse situazioni di gioco. I volti sono più dettagliati così come gli stadi, che beneficiano di un nuovo sistema di illuminazione. Bellissimi gli effetti legati alle variazioni climatiche. Bruttissimi, come al solito, striscioni e bandiere, persino per le squadre più importanti. Evidentemente, è argomento che non interessa a casa madre, peccato. Sotto il profilo del gameplay, preso nota di tutte le innovazioni annunciate con titoli e aggettivi fantasmagorici, nella pratica, ci si accorge di un’evidente maggiore efficacia della cpu nell’andare a rete, riscontrabile già ai livelli più facili. Bene. La gestione intelligente degli spazi e gli effetti della maggiore fisicità dei calciatori, lasciano il tempo che trovano, per tutti quelli che non hanno tempo, pazienza e voglia di fare, di un gioco, uno studio scientifico!

Quindi?!?

In conclusione non sono soddisfatto. Può anche darsi che la delusione per la situazione dell’editing (non ci sono grosse speranze…emotriste) influenzi in parte il mio giudizio, ma credo di essere abbastanza obiettivo. I miei soldini investiti in Fifa 17 hanno subito una vera e propria “SVALUTATION“!

Precedente Fifa devaluation. Or simply, 'svalutation'! Successivo Back to Fifa 16!